Viaggi in auto: il risarcimento sinistri all´estero

Pubblicato su da nella categoria Consigli, Info utili, Viaggi in auto

A chi dopo aver visto “Into the Wild” non ha cominciato a sentire quell’estremo bisogno di tuffarsi in un’avventura. Prendere e partire con la propria auto all’insegna della sfida.
Si poiché affrontare un viaggio on the road significa proprio questo: non avere regole! Con la vostra auto potrete decidere di fare e vedere ciò che più vi interessa. Niente noiosi tour guidati ed orari prestabiliti.

Così la vostra mente vaga, pregustando già come sarà. Voi al volante, della buona musica e di fronte a voi un’interminabile strada da percorrere. Entusiasti ne parlate con un amico che però, poco convinto, comincia a farvi mille domande: “Oddio, ma se ne si sicuro? Partire così da solo?” e ancora: “Ma se per caso fai un incidente che succede? Come fai?”

Mille dubbi vi assalgono. Che fare quindi?

Certamente un viaggio on the road ha il sapore dell’imprevisto ma non per questo non si deve partire senza alcuna preparati ad ogni eventualità.
Mettiamo quindi che il vostro viaggio sarà durante in uno (o più) dei paesi dello Spazio Economico Europeo. Nel caso in cui avvenisse un incidente con un veicolo immatricolato all’estero, dovrete rivolgervi al rappresentante italiano dell’assicuratore di tale veicolo, nell’applicazione del D. Lgs. 209/05, Cod. delle assicurazioni private,  Capo V,  Articoli 151 e seguenti.

Se però non siete a conoscenza del mandatario (ossia, la persona che svolge la funzione di rappresentante) dell’assicurazione in Italia del veicolo estero, dovrete rivolgere la vostra richiesta alla Consap Spa, il centro di informazione italiano.

Il Consap è situato in via Yser 14 a Roma, ma è contattabile anche tramite fax (+39 06 85796270), tramite telefono (+39 00 06 85796415), dal lunedì al venerdì  dalle 9.00 alle 17.00. Tramite la seguente mail richieste.centro@consap.it, utilizzando i moduli predisposti sul sito www.consap.it, nella sezione dedicata.

Cosa dovrete fornire alla Consap per poter conoscere l’identità del mandatario?
Saranno necessarie:

  • le informazioni riguardanti la nazione in cui è avvenuto il sinistro;
  • la data in cui è avvenuto il sinistro;
  • la targa del veicolo estero, che ha causato il sinistro;
  • lo stato in cui è immatricolata la vettura che ha causato il sinistro.

Nello sfortunato caso in cui il Consap, dopo aver effettuato le opportune verifiche, non riconosca il veicolo, o nei casi in cui si tratti di un veicolo non assicurato o la cui assicurazione non ha nominato un mandatario in Italia o  il cui mandatario non abbia fornito una risposta motivata entro tre mesi dalla richiesta di risarcimento, sarete in ogni caso coperti dal danno subito.

Dovrete, infatti,  mandare la vostra richiesta di risarcimento all’Organismo di Indennizzo Italiano (O.D.I). L’organismo di Indennizzo Italiano valuterà quindi se esistono i presupposti per il suo intervento e agirà in base alle leggi straniere applicabili.

Se invece il veicolo è stato immatricolato in Svizzera si applicherà lo stesso D.Lgs 209/05, con la sola differenza che il mandatario italiano dell’impresa svizzera, a causa di un accordo italo-svizzero, non ha l’obbligo di fornire una risposta motivata entro tre mesi dalla richiesta di risarcimento danni e quindi, in caso di assenza di questa risposta, non è possibile rivolgersi all’Organismo di Indennizzo Italiano. In tal caso è però comunque possibile rivolgersi al Consap per ottenere il proprio risarcimento.

Nel caso in cui invece il sinistro sia stato provocato da un veicolo immatricolato in un paese non facente parte dello Spazio Economico Europeo, dovrete presentare la richiesta di risarcimento direttamente all’impresa assicurativa del veicolo estero che ha causato l’incidente o, in alternativa, al Bureau Nazionale dello Stato in cui è avvenuto il sinistro (ossia il corrispettivo del nostro UCI), se il veicolo responsabile dell’incidente è immatricolato in uno stato diverso di quello di accadimento del sinistro.

Se invece il vostro viaggio si svolge in Italia e siete coinvolti in un sinistro con un veicolo immatricolato all’estero, per richiedere il risarcimento dei danni dovrete inoltrate la richiesta tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento all’UCI, al seguente indirizzo:  Corso Sempione 39, 20145, MILANO.

L’UCI è contattabile anche tramite mail (uci@pec.ucimi.it) per informazioni o dubbi sulle informazioni da comunicare.

Nella lettera raccomandata dovranno essere indicati tutti i dati necessari al fine della buona riuscita della richiesta di risarcimento. Sarà quindi necessario fornire:

  • la data e la località in cui è avvenuto l’incidente,
  • la targa e la nazionalità del veicolo estero,
  • alcune caratteristiche tecniche del veicolo estero (quale tipologia, marca e modello),
  • il cognome, il nome e l’indirizzo sia del proprietario del veicolo estero con cui è avvenuto il sinistro sia del conducente effettivo del suddetto veicolo,
  • il nome della compagnia assicurativa del veicolo,
  • gli estremi dell’autorità che è intervenuta a seguito dell’incidente con indicazione della località e del comando di appartenenza,
  • la descrizione del sinistro e se disponibili la copia della constatazione amichevole dell’incidente (modulo CID)
  • la copia della carta verde esibita dal conducente del veicolo straniero.

Se vi sono stati feriti o danni alla vettura sarà necessario inviare anche i dati relativi alla persona e/o alla propria vettura.

L’UCI si occuperà quindi di incaricare il mandatario della compagnia assicurativa straniera della richiesta di risarcimento danni. Nel caso in cui non sia possibile individuare il mandatario, l’UCI svolgerà indagini, basandosi sui dati forniti, presso il paese in cui è stato immatricolato il veicolo.

Negli accertamenti viene coinvolto direttamente anche il Bureau Nazionale dello Stato cui appartiene il veicolo, e le tempistiche di risarcimento possono diventare molto lunghe; per questo motivo è preferibile che la vostra richiesta di risarcimento danni sia completa di tutti i dati e sia inviata il più presto possibile.

scritto da:

Noemi Salaris

Freelance writer per Assicurazioneauto.it | 21 anni | Appassionata di cultura e animazione giapponese, di disegno e sport all'aria aperta | Attualmente lavoro come freelancer e svolgo diversi lavori nel campo dell'informatica quali copywriter, webdesigner e SEO