Nuovo servizio di car sharing a Milano: Twist

Pubblicato su da nella categoria Sosteniblità

twistMilano eccelle nella mobilità sostenibile, partita a tutto gas con ben 1500 auto e i 90000 iscritti ai servizi di car sharing presenti in città.

Ma non intende considerarlo un traguardo, anzi, non è nient’altro che un punto di partenza per correre verso un nuovo primato. Infatti, l’Assessorato alla Mobilità e Ambiente ha voluto un avviso pubblico al fine di vagliare l’aggiunta di nuovi servizi e società che si è concluso proprio il 31 dicembre 2013.

Il risultato? Sabato scorso la commissione di gara comunale ha sciolto le riserve e ha ufficialmente approvato l’ingresso di Twist nel mercato delle auto condivise. Fuori dalla competizione, invece, il progetto Drivenow in quanto non conforme a tutti i requisiti richiesti per l’approvazione. Quindi, accanto ai ben noti Car2go, Enjoy, GuidaMi ed  E-vai già attivi in città, vedremo sfrecciare la flotta di Volkswagen Up! firmata Twist.

Quanto bisognerà attendere perchè sia renderà attivo il servizio? Tempo di attesa di circa tre mesi, il primo maggio sarà possibile prenotare per la prima volta una Up!. Inoltre, il servizio prevede di contare su ben 500 vetture con una tariffa di 27 centesimi al minuto, un pò più economica rispetto ai 29 centesimi richiesti per Car2go.

Uno dei maggiori vantaggi che gli automobilisti ‘sostenibili’ ottengono ricorrendo al car sharing, ricordiamo, è non doversi preoccupare del parcheggio, infatti, i gestori privati, tra cui anche Twist, pagano più di 1000 euro annuali al comune per garantire ai clienti la sosta gratuita, anche sulle strisce gialle.

Il successo delle soluzioni di mobilità sostenibile emerge dalle stesse parole dell’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran che, dopo essersi preoccupato di ringraziare tutti coloro che hanno creduto nelle potenzialità della città e hanno collaborato per rendere possibile il servizio, dichiara “Milano è ormai la capitale italiana dello sharing – grazie al grande successo dei servizi che offre – e sta proseguendo nella svolta verso una mobilità sempre più sostenibile in vista di Expo 2015”. E’ perfettamente in linea con le aspettative dell’assessore l’obiettivo a cui punta il presidente del consorzio che ha dato vita al progetto Twist, Paolo Guaitamacchi: arrivare a 40-50 mila iscritti e chiudere il bilancio in pareggio.

Dunque, se il numero delle flotte ‘sostenibili’ continua ad aumentare inesorabilmente, sorge un dubbio, le richieste saranno in grado di mantenersi proporzionali a tutta questa offerta?

Tags: , , ,

scritto da:

Myriam Vegliante

Pugliese di origine, laureata a Roma in Impresa e Management presso Luiss Guido Carli e trapiantata, per lavoro, in Olanda. Attualmente mi occupo di Digital Marketing per il sito assicurazioneauto.it, grazie al quale ho combinato la passione per il marketing con l’interesse per la tecnologia e la scrittura. Ho collaborato a tutte le fasi di sviluppo della business idea, dalla marketing strategy alla web content creation, con un orientamento specifico e continuo alla SEO.